I ribelli della mobility: secondo il 65% dei dipendenti italiani
la propria azienda non fornisce loro gli strumenti mobile adeguati
per essere produttivi, e l’IT ne è consapevole

Una ricerca VMware rivela che il 57% dei dipendenti italiani ha salvato, inoltrato, ricevuto o modificato un documento aziendale utilizzando il proprio dispositivo personale, secondi solo ai Paesi Nordici

L’81% dei responsabili IT in Italia ha scelto o ha in programma di adottare soluzioni per il BYOD

Milano, 1 luglio 2013 — VMware, Inc. (NYSE: VMW), leader globale nella virtualizzazione e nell’infrastruttura cloud, annuncia i risultati di una ricerca europea condotta da Vanson Bourne che evidenzia la complessità della gestione dell’uso dei dispositivi mobili e delle applicazioni nelle aziende europee. La maggior parte dei dipendenti italiani (65%) non pensa che la propria azienda fornisca gli strumenti mobili o le applicazioni adatte per essere produttivi ed efficienti o delle policy in ambito mobile che assicurino la giusta flessibilità per lavorare in modo efficace in movimento (63%).

I dipartimenti IT, tuttavia, sono al momento incapaci di far fronte alle richieste dei dipendenti. Alla domanda se la divisione IT sia in grado di far fronte alle richieste da parte dei dipendenti di aver accesso alle applicazioni da più dispositivi mobili, circa la metà dei responsabili IT italiani (45%) non crede che il proprio dipartimento possa rispondere alle esigenze di mobilità dello staff in azienda.

Fortunatamente, le aziende riconoscono che policy adeguate per il BYOD possono dare una spinta alla produttività e alla soddisfazione del lavoratore e si stanno adeguando di conseguenza. L’81% dei responsabili IT in Italia (il dato più alto in Europa, dove la media è del 72%) dichiara di aver implementato o di avere in programma di implementare soluzioni a sostegno del BYOD. Un terzo (33%) degli intervistati dichiara che la motivazione è attrarre o trattenere i talenti in azienda. Inoltre, il 62% dei responsabili IT italiani intervistati dichiara che nel 2013 saranno predisposti sistemi e policy che assumano come norma e non come eccezione che i dipendenti siano mobili e accedano ai dati da remoto.

“C’è una chiara tendenza che vede emergere una classe di “ribelli della mobility” con una motivazione reale, una nuova ondata di dipendenti che usano i dispositivi mobili a proprio vantaggio per lavorare più efficacemente e guidare l’innovazione,” ha dichiarato Alberto Bullani, Regional Manager di VMware Italia. “Molte aziende si stanno mettendo al passo con questa tendenza; se i lavoratori non hanno a disposizione le risorse mobili che richiedono, molti di loro prenderanno l’iniziativa per cambiare da soli la situazione. Le aziende più all’avanguardia ne sono consapevoli e stanno dando la priorità a strategie mobile formali per controllare l’iniziativa della propria forza lavoro mobile e offrire loro un vantaggio competitivo.

La ricerca evidenzia anche i pericoli legati alla sicurezza che i dipartimenti IT devono affrontare. Più della metà (59%) dei responsabili IT italiani crede che informazioni aziendali vengono salvate su dispositivi personali, ma solo il 27% di loro sospetta che queste informazioni possano essere commercialmente sensibili, rispetto al 49% della media europea. Questi dati evidenziano uno scollamento fra i responsabili IT e i dipendenti italiani, poiché solo il 32% dei lavoratori intervistati pensa che i dati salvati nei propri dispositivi personali non siano commercialmente sensibili.

Secondo i decisori IT, la maggior parte (70%) dei responsabili aziendali in Italia è consapevole del problema legato ai dati commercialmente sensibili conservati negli smartphone, ma la cosa non li preoccupa o non pensano sia una priorità occuparsene. Il livello di indifferenza rispetto a questa questione in Italia è il più alto d’Europa, dove la media è del 45%.

“Le aziende devono trovare un equilibrio fra l’adozione e la promozione di una cultura del lavoro flessibile e la protezione della proprietà intellettuale dell’azienda e i dati dei clienti. La crescita del mobile è un dato di fatto che sta creando una vera e propria sfida per la gestione e la sicurezza ai dipartimenti IT,” ha dichiarato Alberto Bullani. “Un fenomeno che tuttavia rappresenta anche una grande opportunità. VMware crede che modelli alternativi come il BYOD possano essere implementati utilizzando un approccio integrato per la forza lavoro mobile. Questo può aiutare le aziende a migliorare la produttività del personale in movimento senza compromettere la sicurezza delle informazioni o la flessibilità del business.”

Ulteriori risultati:

  • Più della metà dei dipendenti italiani (53%) ha preso in considerazione quali implicazioni per la sicurezza comporti salvare dati aziendali su servizi di file hosting online free, ma il 45% di quelli che sono consapevoli dei rischi ha caricato comunque un documento dell’azienda sul sito.
  • La stragrande maggioranza degli intervistati (82% in Europa e 86% in Italia) che hanno accesso ai dati dell’azienda dal proprio smartphone afferma che tale accesso non è regolato dal proprio responsabile o dalle Risorse Umane. I manager in Italia sono i secondi in Europa a non dare regole ai dipendenti (dopo l’Olanda) con l’86% che dichiara che non esistono regole sulla questione.
  • Le prime cinque richieste da parte dei dipendenti, secondo i responsabili IT italiani, sono:
    • Avere accesso alla posta elettronica da dispositivo mobile 51%
    • Avere accesso alla Intranet aziendale 50%
    • Avere accesso alla VPN 39%
    • Avere accesso a social network aziendali come Yammer 26%
    • Avere accesso alla gestione delle spese 24%

VMware
VMware offre soluzioni per la virtualizzazione e per le infrastrutture cloud che consentono alle organizzazioni IT di guidare la crescita di aziende di ogni dimensione. Grazie alle caratteristiche e ai benefici della piattaforma di virtualizzazione – VMware vSphere® – le aziende si affidano a VMware per ridurre costi fissi e variabili, migliorare la flessibilità, garantire continuità di business, rafforzare la sicurezza e salvaguardare l’ambiente. Con un fatturato 2012 pari a 4,61 miliardi di dollari, oltre 480.000 clienti e 55.000 partner, VMware è leader di mercato nella virtualizzazione, che si conferma una delle priorità strategiche nell’agenda dei CIO. VMware ha sede nella Silicon Valley con uffici in tutto il mondo e può essere raggiunta online su www.vmware.it

Contatti stampa:

VMware Italia
Stefania Cugini
Tel.: +39 02 30412700
Email: scugini@vmware.com          

Ufficio stampa VMware
Alessandra Merini
Elisabetta Benini
Email: amerini@imageware.it; ebenini@imageware.it
Imageware
Tel.: +39 02 700251


1Specialist market research agency Vanson Bourne polled 1,500 IT decision makers and 3,000 office workers in companies with 100 - 5,000+ employees in the UK, France, Germany, The Netherlands, Italy and the Nordics (Sweden, Norway, Denmark and Finland) using a hybrid approach of telephone and online interviewing between March and April 2013