Cosa vogliono le Piccole e Medie Imprese dall’IT nel 2013?

Milano, 11 febbraio 2013–  Le Piccole e Medie Imprese europee stanno cercando di far fronte a una delle peggiori crisi economiche degli ultimi anni e l’IT è una delle loro preoccupazioni, che si tratti del costo dell’infrastruttura tecnologica o di come la tecnologia può avere un impatto sul loro business. Alla fine del 2012, VMware ha condotto una ricerca 1 sulle PMI europee per capire le loro preoccupazioni inerenti l’IT. Lo studio ha preso in esame tre principali aree che hanno impatto sulle PMI: le sfide IT che devono affrontare, come l’IT può supportare la crescita del business e come vorrebbero migliorare la propria infrastruttura tecnologica. VMware ha identificato una serie di trend chiave dalla ricerca, che mostrano come le PMI stanno affrontando i problemi del mondo IT.

Per il 23% delle PMI europee, i costi per l’hardware e la capacity sono due delle maggiori preoccupazioni per il 2013 (il 22% in Italia). Dato comprensibile, dal momento che la domanda nei sistemi IT è in continua crescita, soprattutto nel caso di aziende piccole che vogliono espandersi rapidamente. Il problema è che le PMI stanno cercando di ottenere il massimo da risorse contenute, soprattutto con budget che diventano sempre più ridotti. Una delle possibilità è guardare al consolidamento delle risorse IT esistenti e analizzare come poter fare di più con quello che si ha a disposizione. Per esempio, si può far ricorso alla virtualizzazione, così che i server possano essere utilizzati a circa l’80% della propria capacità, anziché farli girare al 15% del proprio utilizzo. Questo consente anche alle aziende più piccole di ridurre i costi di mantenimento e funzionamento dell’IT.

Un altro trend chiave nelle PMI europee è il focus su soluzioni di disaster recovery e business continuity e il ruolo che queste possono giocare nell’infrastruttura IT. Il 23% degli intervistati ha dichiarato che il disaster recovery è una delle principali preoccupazioni del 2013 (il 33% in Italia). Per le PMI, molte soluzioni di business continuity sono fuori dalla loro portata a causa dei costi elevati. Tuttavia, per le aziende che beneficiano di soluzioni di virtualizzazione il processo di disaster recovery po’ essere più semplice e cost effective.

Se la crisi economica può rallentare il desiderio di crescita delle PMI, fare un piano di sviluppo può essere fondamentale nel caso di opportunità da cogliere appena queste si presentano. Come risultato, le soluzioni di virtualizzazione stanno diventando sempre più popolari fra le PMI come uno strumento per rispondere a una esigenza di crescita. Una chiara maggioranza degli intervistati (il 39% degli intervistati in Italia) ha dichiarato di guardare alla virtualizzazione dei server come la tecnologia che risponde al proprio bisogno di espansione.

Un quarto degli intervistati (il 31% in Italia) ha invece dichiarato di valutare soluzioni di cloud e software as a service (SaaS) come soluzioni per le proprie esigenze di business. E’ un importante segnale il fatto che così tante PMI guardino al cloud come una possibilità per scalare l’IT. Anziché mantenere sistemi IT esistenti, grazie al cloud le aziende pagano solo i servizi IT di cui hanno bisogno, quando ne hanno bisogno.

L’ultima domanda riguarda le decisioni IT che un’azienda prenderebbe se avesse a disposizione un assegno in bianco. La maggior parte degli intervistati ha risposto che utilizzerebbe l’assegno per implementare soluzioni per garantire che non ci siano interruzioni durante le migrazioni e gli aggiornamenti. Questo dimostra come le PMI sono preoccupate dalla possibilità di downtime di nuove infrastrutture e sistemi IT  e dell’impatto che questo può avere sui profitti.

In Italia, solo il 13% degli intervistati ha dato la stessa risposta, con 30% che invece utilizzerebbe eventuali risorse illimitate per l’innovazione del business. L’uso di strumenti di virtualizzazione può ridurre drasticamente iI rischio di downtime durante gli upgrade e le migrazioni. Questo significa anche fornire nuove applicazioni in pochi minuti rispetto alle ore o ai giorni tradizionalmente necessari per applicazioni non virtualizzate.

Quello che dimostrano queste risposte è che le PMI europee fanno i conti con la sfida di fare di più con le risorse esistenti ma, al tempo stesso, identificano chiaramente nella virtualizzazione e nel cloud e SaaS gli strumenti per far fronte a budget sempre più ridotti e esigenze di business crescenti. Con un futuro economico ancora incerto, implementare la giusta soluzione IT permetterà alle PMI di concentrarsi sulla crescita del business e sulle esigenze dei propri clienti.

Alberto Bullani
Regional Manager VMware Italia

VMware
VMware offre soluzioni per la virtualizzazione e per le infrastrutture cloud che consentono alle organizzazioni IT di guidare la crescita di aziende di ogni dimensione. Grazie alle caratteristiche e ai benefici della piattaforma di virtualizzazione – VMware vSphere® – le aziende si affidano a VMware per ridurre costi fissi e variabili, migliorare la flessibilità, garantire continuità di business, rafforzare la sicurezza e salvaguardare l’ambiente. Con un fatturato 2012 pari a 4,61 miliardi di dollari, oltre 480.000 clienti e 55.000 partner, VMware è leader di mercato nella virtualizzazione, che si conferma una delle priorità strategiche nell’agenda dei CIO. VMware ha sede nella Silicon Valley con uffici in tutto il mondo e può essere raggiunta online su www.vmware.it

Contatti stampa:

VMware Italia
Stefania Cugini
Tel.: +39 02 30412700
Email: scugini@vmware.com

Ufficio stampa VMware
Alessandra Merini
Elisabetta Benini
Email: amerini@imageware.it; ebenini@imageware.it
Imageware
Tel.: +39 02 700251



1 About the Research - VMware conducted quantitative research with senior IT decision makers in small to medium sized business (SMBs) across multiple countries in Europe. The research aimed to gather data on the challenges that SMBs face around IT, and how they would like to use IT to improve the way they do business. The research provides data on IT trends in smaller businesses across Europe, and the impact this has on their IT buying decisions