Installa VMware vSphere® Hypervisor autonomamente o con l'aiuto guidato. Quindi crea le tue macchine virtuali.

vSphere Hypervisor: installazione e configurazione

Video sull'installazione di vSphere Hypervisor

vSphere Hypervisor: installazione e configurazione (2:39 min.)

Requisiti

CPU

  • Requisito tecnico minimo: socket singolo con due core.
  • Requisito minimo consigliato: doppio socket con quattro o più core per CPU

Memoria

  • Requisito tecnico minimo: 4 GB
  • Requisito minimo consigliato: almeno 8 GB

Rete

  • Requisito tecnico minimo: singola scheda di rete 1 GbE
  • Requisito minimo consigliato: doppia scheda di rete 1 GbE

Storage locale (SATA/SAS)

  • Requisito tecnico minimo: un'unica unità da 4 GB
  • Requisito minimo consigliato: unità ridondanti

Storage condiviso

  • NFS, iSCSI o Fibre Channel per lo storage delle macchine virtuali

Specifiche

  • Numero di core per CPU fisica: illimitato
  • Numero di CPU fisiche per host: illimitato
  • Numero di CPU logiche per host: 480
  • Numero massimo di vCPU per macchina virtuale: 8
  • Sistemi operativi supportati: leader del settore per sistemi operativi supportati. Vedere l'elenco completo delle versioni supportate.
    Nota: fare riferimento alle note di rilascio e alla guida sui limiti massimi della configurazione per informazioni aggiornate sulle specifiche.

Installazione

Puoi installare vSphere Hypervisor autonomamente o con l'aiuto guidato.

  • Per procedere autonomamente, scarica il programma di installazione, accetta l'accordo di licenza con l'utente finale e seleziona l'unità locale su cui installarlo.

Creazione di macchine virtuali

Una volta installato vSphere Hypervisor, esistono tre modi per creare le macchine virtuali.

  • Utilizzare VMware vCenter™ Converter™ per trasferire i server esistenti sulle macchine virtuali oppure importare le immagini delle macchine virtuali VMware e di terze parti esistenti.
  • Creare da zero le macchine virtuali specificando il numero di CPU, la quantità di memoria, i dischi e le interfacce di rete, quindi caricare il sistema operativo delle immagini ISO o da un disco di avvio.
  • Importare un'appliance virtuale. In VMware Solution Exchange ne sono disponibili centinaia tra cui scegliere.

Business Continuity

vSphere API for Data Protection (VADP) ora consente l'integrazione di vSphere Hypervisor con strumenti di terzi parti per il backup e il ripristino delle macchine virtuali.

Configurazione

Una volta installate o importate le macchine virtuali, è necessario configurarle. Questa demo introduttiva descrive in modo dettagliato il processo.

  • Occorre assistenza? Ora puoi acquistare l'assistenza Per Incident per VMware vSphere Hypervisor.

Upgrade alle versioni di VMware vSphere o vSphere with Operations Management

La migrazione alle versioni a pagamento di vSphere o vSphere with Operations Management consente di ottimizzare ulteriormente l'infrastruttura IT. Sarà pertanto possibile:

  • Raggruppare in pool le risorse di elaborazione e storage di più host fisici.
  • Gestire centralmente più host tramite VMware® vCenter Server™.
  • Garantire il miglioramento dei livelli di servizio e dell'efficienza operativa.
  • Eseguire la migrazione live delle macchine virtuali.
  • Sfruttare il bilanciamento automatico del carico, la Business Continuity e le funzionalità avanzate di backup e ripristino per le macchine virtuali.
  • Ottenere funzionalità fondamentali di monitoraggio delle prestazioni e gestione della capacità con vSphere with Operations Management.

Per ulteriori informazioni, vedere la Presentazione tecnica di vSphere with Operations Management.