Riepilogo delle funzionalità

Fault Tolerance (FT) fornisce disponibilità ininterrotta alle applicazioni in caso di guasti dei server, creando un'istanza shadow di una macchina virtuale sempre aggiornata rispetto alla macchina virtuale primaria. In caso di guasti all'hardware, FT attiva automaticamente il failover, eliminando i downtime ed evitando perdite di dati.

Dopo il failover, FT crea automaticamente una nuova macchina virtuale secondaria per garantire una protezione continua dell'applicazione.

Applicazioni protette indipendentemente dal sistema operativo o dall'hardware sottostante

A differenza dei tradizionali prodotti per l'alta disponibilità, FT protegge tutte le macchine virtuali, incluse quelle sviluppate internamente e quelle personalizzate.

  • Compatibilità con tutti i tipi di storage condiviso, tra cui anche Fibre Channel, iSCSI, FCoE e NAS.
  • Compatibilità con tutti i sistemi operativi supportati da vSphere with Operations Management.
  • Funzionamento garantito con i cluster vSphere DRS e High Availability (HA) esistenti per un bilanciamento avanzato del carico e un posizionamento iniziale ottimizzato delle macchine virtuali.
  • Disponibilità di un meccanismo di controllo delle versioni che consente di eseguire macchine virtuali primarie e secondarie su host compatibili con FT, con livelli di patch diversi ma compatibili.

Configurazione, attivazione e disattivazione semplificate

Utilizzando i cluster vSphere HA esistenti, FT consente di proteggere un numero illimitato di macchine virtuali presenti in un cluster. Gli amministratori possono attivare o disattivare FT per specifiche macchine virtuali con una semplice azione point-and-click in vSphere Web Client. FT può essere utilizzato in base alle esigenze per le applicazioni che richiedono una protezione continua durante periodi critici, ad esempio l'elaborazione di fine trimestre.