Riepilogo delle funzionalità

Utilizza VMware vSphere® Network I/O Control per configurare le regole e le policy a livello di macchina virtuale e assicurare sempre la disponibilità delle risorse I/O per le applicazioni business critical. NIOC esegue il monitoraggio della rete In caso di rilevamento di congestioni, trasferisce automaticamente le risorse alle applicazioni con priorità maggiore, come definito dalle regole aziendali.

Grazie a NIOC, è possibile migliorare la produttività degli amministratori, estendere la virtualizzazione a un numero maggiore di carichi di lavoro e rendere l'infrastruttura ancora più flessibile.

NIOC - Schema dell'architettura

NIOC - Schema dell'architettura

Rispetto e miglioramento dei livelli di servizio per le applicazioni business critical

  • Aumento della produttività degli amministratori riducendo il tempo dedicato alla gestione attiva delle prestazioni.
  • Collegamento tramite bridge della qualità del servizio di infrastrutture virtuali e fisiche con assegnazione di tag 802.1 per ogni risorsa.
  • Definizione, visualizzazione e monitoraggio di condivisioni di risorse e limiti per la rete.

Ottimizzazione dei carichi di lavoro

  • Virtualizzazione di più carichi di lavoro, incluse le applicazioni business critical con intense attività di I/O
  • Garanzia che ogni tenant di cloud ottenga la condivisione assegnata di risorse I/O.
  • Definizione e applicazione di priorità di rete (per VM) a tutti i livelli di un cluster.

Infrastruttura agile e flessibile

  • Riduzione delle esigenze in termini di interfacce di rete dedicate a una singola applicazione o macchina virtuale.
  • Implementazioni multi-tenancy.

Dettagli tecnici

Oggi, numerosi data center virtualizzati passano all'utilizzo di schede di rete 10 Gigabit Ethernet (10GbE) invece di configurare più schede di rete da 1 GB. La tecnologia 10GbE fornisce larghezza di banda estesa affinché più flussi di traffico possano condividere lo stesso link fisico.

Le schede 10GbE semplificano l'infrastruttura di rete e colmano le inefficienze delle reti da 1 GB, come l'inadeguatezza della larghezza di banda e i livelli di utilizzo inferiori. Anche con questi vantaggi offerti dalla tecnologia 10GbE, è comunque necessario garantire ai flussi di traffico l'accesso a una larghezza di banda adeguata.

NIOC soddisfa questi requisiti consentendo la coesistenza di diversi carichi di lavoro su un singolo pipe di rete per sfruttare al meglio tutti i vantaggi della tecnologia 10GbE. NIOC si basa su gruppi di risorse simili a quelli di CPU e memoria. Offre all'amministratore di VMware vSphere® controlli sufficienti per consentire e assicurare prestazioni di rete prevedibili nel caso in cui più tipi di traffico si contendano le stesse risorse delle reti fisiche. NIOC è supportato solo con VMware vSphere® Distributed Switch™ (VDS).

NIOC offre agli amministratori le seguenti funzionalità:

  • Isolamento: garantisce l'isolamento del traffico affinché un determinato flusso non possa mai prevalere sugli altri, evitando così interruzioni.
  • Condivisioni: consente il partizionamento flessibile della capacità di rete per aiutare gli utenti a gestire i flussi che si contendono le stesse risorse.
  • Limiti: è possibile applicare dei limiti in termini di larghezza di banda del traffico all'insieme VDS complessivo di dvUplink.
  • Raggruppamento basato sul carico: utilizza in modo efficiente un insieme di dvUplink per la capacità di rete.
  • Assegnazione di tag IEEE 802.1p: assegna tag ai pacchetti in uscita dall'host vSphere per la corretta gestione da parte delle risorse di rete fisiche.

NIOC classifica il traffico in diversi gruppi di risorse predefiniti:

  • VMware vSphere® vMotion®
  • iSCSI
  • Accesso a FT
  • Gestione
  • NFS (Network File System)
  • Traffico delle macchine virtuali
  • Traffico di vSphere Replication
  • Definiti dall'utente