VMware NSX offre nuovi livelli di automazione, prestazioni e scalabilità per aziende e Communications Service Provider

 

VMware NSX-T Data Center semplifica le operations di rete, la scalabilità e la sicurezza per gli architetti e gli operatori di rete; fornisce l'infrastruttura di rete come codice agli sviluppatori

 

BARCELLONA, 27 febbraio 2019 – MOBILE WORLD CONGRESS 2019 - VMware, Inc. (NYSE: VMW) ha annunciato oggi novità per VMware NSX che estendono il valore di una rete definita dal software, automatizzata, programmabile e intrinsecamente sicura a chiunque sia coinvolto nel nuovo mondo application-first. Con le ultime versioni di VMware NSX-T Data Center 2.4 e NSX Cloud, VMware aiuta architetti, operatori di rete e sicurezza e sviluppatori a superare l'approccio rigido, inflessibile e spesso insicuro delle reti definite dall'hardware per connettere e proteggere le applicazioni ovunque esse risiedano. L'ultima versione di NSX Data Center soddisfa le esigenze di networking cloud virtuale di aziende grandi e piccole, e i communication service provider possono sfruttare le caratteristiche cloud-scale e le prestazioni di NSX-T Data Center per accelerare l'adozione della Network Function Virtualization (NFV).

 

Il cambiamento in corso nell'IT è ormai innegabile. Cloud e container sono ormai la realtà e le applicazioni, i data center e gli utenti sono ovunque. Secondo Gartner, "entro il 2020, il 75% delle organizzazioni avrà implementato un modello cloud multicloud o ibrido . Inoltre, entro il 2025 il 75% dei dati generati dall'azienda verrà creato ed elaborato al di fuori di un tradizionale data center centralizzato o cloud . Le applicazioni moderne sono costituite da molti componenti e servizi che possono essere installati su cloud e infrastrutture differenti. l layer web e applicativo possono essere eseguiti su container nel cloud pubblico, mentre i dati dei clienti possono risiedere su un database relazionale in un cloud privato. Le informazioni sull'account possono anche risiedere su un sistema mainframe.

 

Il Virtual Cloud Network è il futuro del networking, basato su un'architettura di rete definita dal software che copre tutta l'infrastruttura e lega tutti questi elementi con un deployment con un solo clic. VMware NSX è il cuore della Virtual Cloud Network e offre connettività e sicurezza coerenti e pervasive per app e dati ovunque risiedano, indipendentemente dall'infrastruttura fisica sottostante. NSX è distribuito in 82 delle aziende Fortune 100 e nel 70 percento di Fortune Global 500 e supporta la connettività e la sicurezza del cloud su AWS, Azure, IBM Cloud e VMware Cloud on AWS. La piattaforma di virtualizzazione di rete è integrata in VMware Cloud Foundation, VMware Cloud on AWS, VMware Enterprise PKS VMware vCloud NFV, Pivotal Application Service e in futuro AWS Outposts e VMware Cloud on Dell EMC.

 

"Gli sviluppatori di app vogliono una rete che funzioni e che connetta i server con un clic del mouse. Questo è ciò che ottengono nel cloud pubblico. VMware NSX porta la stessa esperienza su ogni cloud, pubblico e privato, con la Virtual Cloud Network ", ha affermato Tom Gillis, senior vice president and general manager, networking and security business unit, VMware. "Con la nostra ultima versione di VMware NSX-T Data Center, abbiamo compiuto un importante passo in avanti nella semplicità dell'automazione, nelle prestazioni e nelle funzionalità che consentono l'implementazione scalabile dei più importanti cloud al mondo."

 

1 Gartner, Inc., “Market Insights: Making Lots of Money in the New World of Hybrid Cloud and Multicloud”, September 7, 2018

 

2 Smarter With Gartner, “What Edge Computing Means for Infrastructure and Operations Leaders”, October 3, 2018 https://www.gartner.com/smarterwithgartner/what-edge-computing-means-for-infrastructure-and-operations-leaders/

 

La virtualizzazione di rete offre l'unico modo pratico per fornire agli sviluppatori l’esperienza automatizzata one-click che cercano. Spostando la complessità dell'applicazione delle policy nel software, può essere predefinita e distribuita automaticamente, eliminando l'approccio tradizionale che prevede di generare una richiesta di modifica che viene elaborata manualmente da un ingegnere di rete. Questa filosofia di trattare l'infrastruttura di rete come codice si può tradurre in risparmi immediati OPEX attraverso la riduzione della manodopera e consentire tempi di commercializzazione molto più rapidi per le nuove applicazioni. La virtualizzazione della rete può anche offrire significativi risparmi in termini di CAPEX. Una volta definiti i confini della rete nel software, VMware NSX può ottimizzare il posizionamento del carico di lavoro in un pool molto più ampio di risorse fisiche. Questo sblocca la capacità "bloccata" in un segmento di rete o VLAN basato su hardware. VMware ha sviluppato uno strumento che misura i risparmi di CAPEX e, attraverso diverse migliaia di clienti aziendali, VMware ha mostrato una riduzione media del 35% di CAPEX necessaria una volta che la rete è virtualizzata.

 

Con l'ultima versione di VMware NSX-T Data Center e NSX Cloud, VMware offre i seguenti elementi di svolta per i clienti:

  • Semplicità operativa per gli operatori di rete: NSX-T 2.4 accelera il passaggio dall'installazione Day 0 al provisioning Day 1 di una rete definita dal software da giorni a minuti e semplifica in modo significativo le operations di rete del secondo giorno per gli amministratori. NSX-T offre una nuova interfaccia utente (UI) basata su HTML5 che offre ai clienti una console di gestione della rete più semplice rispetto a soluzioni alternative. L'interfaccia utente fornisce indicazioni prescrittive per ridurre il numero di clic e page hop necessari per completare le attività di configurazione. NSX-T include ora anche miglioramenti dell'installazione come i moduli Ansible che consentono l'automazione dei flussi di lavoro di installazione. NSX-T consente ai clienti di fornire nuove reti e servizi con una singola chiamata API o pochi clic, rendendo NSX il modo più semplice del settore per gestire una rete application-centric basata su software.

  • Infrastruttura di rete come codice per sviluppatori e team DevOps: NSX-T 2.4 presenta un nuovo modello dichiarativo di API che semplifica l'automazione della rete utilizzando la configurazione JSON leggibile. Gli operatori possono ora passare a un approccio olistico e focalizzato sull'applicazione per automatizzare la configurazione della rete. Questo approccio elimina l'uso di una noiosa lista di comandi che può portare a errori umani nella configurazione di rete. VMware NSX utilizza termini semplici definiti dall'utente sulla connettività e sulla sicurezza richieste da un'applicazione. Queste policy possono essere replicate facilmente e applicate in modo coerente su tutte le piattaforme, semplificando le operazioni e consentendo ai team IT di scalare a nuovi livelli.

  • Miglioramento delle funzionalità Cloud-Scale e Carrier-Grade per gli architetti cloud e di rete: NSX-T supporta ora livelli più elevati di cloud-scale, resilienza e prestazioni, con velocità prossima alla line-rate utilizzando un piano dati con accelerazione hardware basato su DPDK, alta disponibilità con nodi piani di gestione in cluster e scalabilità a decine di migliaia di reti univoche per istanza NSX-T. Il supporto per IPv6 soddisfa un requisito critico delle reti su cloud-scale per aziende e provider di servizi e NSX-T può ora scalare fino a centinaia di migliaia di rotte, oltre un migliaio di host per dominio NSX e con multi-tenancy su vasta scala. Con l'aggiunta del concatenamento di servizi basato su Network Service Header (NSH), i service provider possono offrire nuovi servizi più velocemente riducendo significativamente CapEx e OpEx. Sfruttare il framework IETF SFC e definire la catena di servizi tramite NSH rende le reti di provider di servizi più efficienti, programmabili e flessibili.

  • Sicurezza intrinseca per gli operatori e gli architetti della sicurezza: NSX-T riduce in modo significativo la superficie di attacco delle applicazioni e aiuta a ridurre i rischi per l'azienda costruendo criteri intorno all'applicazione, ovunque l'applicazione venga eseguita, su macchine virtuali, container e server bare metal e su ambienti on-premises o cloud. NSX-T 2.4 va oltre la segmentazione di zona e la micro-segmentazione e supporta la consapevolezza delle applicazioni L7, il firewall basato sull'identità, la protezione degli endpoint agentless tramite integrazioni di terze parti e l'inserimento del servizio per creare un solido post di sicurezza costruito attorno al contesto dell'applicazione. NSX-T 2.4 introduce un nuovo livello di analisi e visualizzazione con una nuova dashboard di gestione e interfaccia utente, oltre al supporto per Splunk e VMware vRealize Log Insight.

 

"Presso l'Università dell’Idaho, abbiamo una strategia cloud-first che ci consente di sfruttare l'infrastruttura del cloud pubblico laddove appropriato", ha dichiarato Brian Jemes, Network Manager, University of Idaho. "NSX Cloud ci consente di garantire una sicurezza coerente su AWS, con la possibilità di estendere le policy di sicurezza che creiamo in qualsiasi altro cloud e nel nostro ambiente VMware on-premise in futuro. NSX Cloud ha semplificato drasticamente le nostre policy di sicurezza, riducendo il numero di linee di codice necessarie per scrivere una policy di sicurezza di oltre l'80% e semplificando l'aggiornamento delle policy in un'unica posizione e implementando tali policy con un clic di un pulsante attraverso il nostro ambiente cloud ibrido.

 

"Nell'esperienza di IBM di lavorare con migliaia di aziende globali in tutti i principali settori, le aziende vogliono adottare un approccio ibrido per modernizzare e migrare le applicazioni in modo trasparente e con sicurezza in ambienti cloud locali, privati e pubblici", ha dichiarato Simon Kofkin-Hansen, Distinguished Engineer, Director and CTO, IBM Cloud for VMware Solutions. "Per semplificare il percorso verso il cloud ibrido, IBM ha convalidato NSX-T come stack di rete supportato per IBM Cloud Private Hosted e VMware NSX-T 2.4 sta fornendo una soluzione di rete unificata che collega IBM Cloud Private Hosted e il servizio IBM Cloud Kubernetes."

 

Risorse aggiuntive:

 

VMware

 

Il software VMware alimenta la complessa infrastruttura digitale del mondo. L’offerta di cloud computing, mobility, networking e sicurezza dell’azienda fornisce una base digitale dinamica ed efficiente a oltre 500.000 clienti in tutto il mondo, con il supporto di un ecosistema di 75.000 partner. Con sede a Palo Alto, in California.VMware ha celebrato nel 2018 vent'anni di innovazione a vantaggio delle imprese e della società. Per ulteriori informazioni, visita: https://www.vmware.com/it/company.html

 

VMware Italia

 

Chiara Zambelli; Cinzia Liguori

Tel.: +39 02 30412700
Email: czambelli@vmware.com cliguori@vmware.com

 

Ufficio stampa VMware

Imageware
Alessandra Merini, Elisabetta Benini, Sara Preatoni
Tel.: +39 02 700251
Email: vmware@imageware.it