Inizia subito con VMware Site Recovery

Prepara il tuo ambiente per la prevenzione dei disastri e gli audit di compliance e proteggi app e dati cruciali approfittando della flessibilità e dell'economia del cloud

Scopri Site Recovery

Prova VMware Site Recovery come add-on di VMware Cloud on AWS.

 

Visita il blog

Esplora il blog di VMware Site Recovery per scoprire come accelerare il time-to-protection.

Demo: Hands-on Lab

Prova in prima persona VMware Site Recovery.

Vantaggi di VMware Site Recovery

Disaster Recovery tradizionale semplificato abbinato a un servizio affidabile e conveniente

Disaster Recovery più affidabile

DR globale e sicuro con RTO verificato e RPO ridotti

 

Riduzione dei costi

Soluzione completa con vantaggi integrati basata su un ambiente cloud elastico

Deployment semplificato

Sviluppata sul know-how esistente per automatizzare il Disaster Recovery

Cos'è VMware Site Recovery?

Modello di prezzi

VMware Site Recovery è fornito come servizio aggiuntivo di VMware Cloud on AWS. Il servizio è disponibile on demand, come abbonamento triennale o come abbonamento annuale. Il costo dell'abbonamento viene addebitato in anticipo per la durata scelta. L'utilizzo on demand viene calcolato su base oraria e prevede un addebito mensile.
Error!
>
<
List Price / VM Effective Hourly / VM Savings vs. On-Demand
On-Demand
1-year Subscription
3-year Subscription
On-Demand
1-year Subscription
3-year Subscription

 Risultati

    VMware Site Recovery permette di portare le affidabili tecnologie di replica, orchestrazione e automazione in VMware Cloud on AWS per proteggere le applicazioni in caso di problemi del sito. Il servizio è integrato in una soluzione di automazione del piano di ripristino leader del settore, VMware Site Recovery Manager, e su una replica nativa basata su hypervisor, VMware vSphere Replication. Il servizio offre una soluzione di Disaster Recovery end-to-end che può aiutare a ridurre la necessità di un sito di ripristino secondario, accelerare il time-to-protection e semplificare le operation di Disaster Recovery.
    Il servizio è disponibile in tutte le regioni in cui è disponibile VMware Cloud on AWS, inclusa la regione AWS GovCloud (Stati Uniti).
    VMware Site Recovery è in grado di proteggere (1) carichi di lavoro eseguiti in un data center on-premise su un SDDC VMware Cloud on AWS, (2) carichi di lavoro eseguiti in un SDDC VMware Cloud on AWS su un data center on-premise e (3) tra diversi SDDC VMware Cloud on AWS.

    La versione di vCenter richiesta nel data center on-premise associato per supportare VMware Site Recovery dipende dalle versioni di Site Recovery Manager e di vSphere Replication distribuite nel data center on-premise associato. Le matrici di interoperabilità dei prodotti VMware tra VMware vCenter Server e Site Recovery Manager qui sono utili per conoscere la versione minima di vCenter necessaria sulla base della versione di Site Recovery Manager distribuita nel data center on-premise associato. Analogamente, le matrici di interoperabilità dei prodotti VMware tra VMware vCenter Server e vSphere Replication qui disponibili consentono di individuare la versione minima di vCenter necessaria sulla base della versione di vSphere Replication distribuita nel data center on-premise associato. Ad esempio, sulla base delle matrici di interoperabilità dei prodotti VMware, se la versione corrente di Site Recovery Manager e vSphere Replication distribuita nel data center on-premise associato è la 8.2, la versione minima di vCenter supportata è la 6.0 U3.

    • Site Recovery Manager e vSphere Replication nel data center on-premise associato possono avere almeno la versione N-1 dei componenti Site Recovery Manager e vSphere Replication di VMware Site Recovery nell'SDDC VMware Cloud on AWS, come spiegato nella domanda frequente successiva.

    No. VMware Site Recovery è stato progettato per offrire flessibilità nelle versioni dei componenti distribuiti da un cliente nel proprio data center on-premise e di quelli distribuiti e gestiti da VMware su VMware Cloud on AWS. VMware Site Recovery è compatibile con la versione N-1 di Site Recovery Manager e vSphere Replication sul data center on-premise associato. Ad esempio, se la versione corrente di VMware Site Recovery è la 8.3, le versioni supportate di Site Recovery Manager e vSphere Replication nel data center on-premise associato sono la 8.2 e successive.

    Sì, è necessario distribuire la versione 7.0 (o successiva) di vSphere e la versione 8.3 (o successiva) di vSphere Replication nel data center on-premise per utilizzare la nuova funzionalità di ridimensionamento ottimale del disco.

    VMware Site Recovery è disponibile solo sullo stack dell'infrastruttura VMware Cloud on AWS.

    VMware Site Recovery è un servizio aggiuntivo separato, il cui prezzo viene stabilito e addebitato separatamente da VMware Cloud on AWS. Per le informazioni più aggiornate sui prezzi, visita la relativa pagina. Il prezzo di listino di VMware Site Recovery include i componenti Site Recovery Manager e vSphere Replication per l'istanza SDDC VMware Cloud on AWS e il data center on-premise. Il prezzo include anche l'assistenza.

    No, il servizio VMware Site Recovery è una soluzione con prezzi e licenze separate.

    Sì, l'intero set di funzionalità di VMware Site Recovery può essere acquistato come add-on per la configurazione iniziale di un SDDC a host singolo, il che rappresenta un'opzione conveniente per utilizzare subito la soluzione di Disaster Recovery nell'hybrid cloud. Tuttavia, a causa dei limiti legati alla scadenza e alla minore durata dei dati della soluzione SDDC a host singolo, consigliamo di non utilizzarla come soluzione di Disaster Recovery principale per tutti i carichi di lavoro on-premise fino a quando l'ambiente non è stato scalato verticalmente a un SDDC a 3 host.

    Non sono previsti addebiti aggiuntivi per l'uso di VMware Site Recovery in una configurazione multi-sito come fan-in, fan-out o altre topologie complesse. Si applicano i prezzi standard a tutte le macchine virtuali protette con VMware Site Recovery.

    Sì, questa opzione è supportata. Consulta la documentazione di VMware Site Recovery per ulteriori informazioni sui vari tipi di configurazioni supportate e sulle procedure per distribuire tali topologie multi-sito.

    Tutte le funzionalità di VMware Site Recovery che sono disponibili negli SDDC NSX-v sono disponibili anche negli SDDC NSX-T, con l'eccezione del Firewall Rule Accelerator. Per configurare le regole del firewall necessarie per usare VMware Site Recovery su SDDC NSX-T, segui le istruzioni fornite qui. Le condizioni generali, le limitazioni e i problemi noti relativi a VMware Site Recovery sono documentati nelle note di rilascio di VMware Site Recovery. Questi si applicano agli SDDC NSX-v e NSX-T, se non diversamente indicato.

    Per associare un data center on-premise a VMware Site Recovery sull'SDDC NSX-T in VMware Cloud on AWS, il data center on-premise deve essere aggiornato a Site Recovery Manager 8.1.2, che supporta NSX-T oppure, se si dispone di una versione precedente di Site Recovery Manager nel data center on-premise, è necessario distribuire NSX-v o nessun NSX. VMware Site Recovery Manager funziona in combinazione con NSX-T in ambienti on-premise a partire dalla versione 8.1.2. Ulteriori dettagli sono disponibili nelle note di rilascio di VMware Site Recovery Manager 8.1.2.

    Se stai eseguendo la replica da/a uno o più siti on-premise, è necessario distribuire almeno un vSphere Replication Server aggiuntivo in ciascun sito in cui il numero totale di repliche in entrata o in uscita è superiore a 500. Consulta la documentazione di VMware Site Recovery per indicazioni su come distribuire questi componenti aggiuntivi. Potrebbe anche essere necessario modificare la configurazione del firewall on-premise per consentire il traffico in entrata/uscita verso e dai vSphere Replication Server aggiuntivi. D'altro canto, per replicare più di 1000 VM verso/da un SDDC VMware Cloud on AWS, non è necessario installare o configurare alcun componente aggiuntivo. Quando il numero di repliche in un ambiente SDDC in VMware Cloud on AWS raggiunge una soglia predefinita, il servizio VMware Site Recovery aggiungerà automaticamente un server vSphere Replication all'SDDC, estendendo così senza problemi la configurazione del firewall vSphere Replication di quell’SDDC al nuovo server.

    A partire dal 2 novembre, è possibile acquistare i nuovi abbonamenti a termine di VMware Site Recovery tramite uno dei seguenti metodi: 1. Self-service: tramite la console VMware Cloud, nella scheda Add-On 2. Utilizzando la solita procedura di richiesta di preventivo e ordine con un referente commerciale

    I clienti possono acquistare un numero qualsiasi di VM (tra 1 e 10.000) per ogni abbonamento a termine di VMware Site Recovery.

    Ogni abbonamento a termine di VMware Site Recovery è specifico per una regione VMware Cloud on AWS. Se i carichi di lavoro vengono protetti in due diversi siti di Disaster Recovery su VMware Cloud on AWS, è necessario avere un abbonamento a termine di VMware Site Recovery diverso per ciascuna regione VMware Cloud on AWS. Se si dispone di protezione di Disaster Recovery tra due SDDC VMware Cloud on AWS, è necessario acquistare un solo abbonamento a termine per la regione in cui si prevede di collocare il proprio SDDC di ripristino.

    Sì, in una delle seguenti circostanze:

    • Verrà fatturato il consumo on demand di VMware Site Recovery alle tariffe on demand applicabili per qualsiasi periodo compreso tra l'ultima fattura mensile e l'inizio del periodo di abbonamento a VMware Site Recovery; tale importo varia in base alla data di fatturazione dell'anniversario (Anniversary Billing Date, ABD) di ciascuna organizzazione del cliente.
    • Se proteggi più VM rispetto al numero acquistato in un abbonamento a termine di VMware Site Recovery, verrà addebitato il prezzo on demand di VMware Site Recovery per le VM aggiuntive.
    • Se hai acquistato un abbonamento a termine di VMware Site Recovery con protezione di Disaster Recovery tra due SDDC VMware Cloud on AWS e poi cambi la direzione della protezione del Disaster Recovery (ad esempio, come risultato del workflow di riprotezione), verranno addebitate le tariffe on demand che si applicano alla regione di destinazione VMware Cloud on AWS per le VM riprotette.

    Al momento, i due abbonamenti a termine sono indipendenti l'uno dall'altro. Poiché VMware Site Recovery è un add-on, è necessario disporre di host VMware Cloud per poterlo utilizzare. Se il periodo di validità dell'host termina prima del periodo di validità di VMware Site Recovery, e si desidera ancora proteggere i carichi di lavoro, è necessario acquistare un nuovo abbonamento host o pagare gli host alle tariffe on demand.