Il Software-Defined Storage di VMware offre un'architettura di storage per il data center semplice ma intelligente, in linea con le esigenze aziendali e le richieste delle applicazioni, che consente di eliminare l'hardware statico, specifico e inefficiente grazie a soluzioni dinamiche, agili e automatizzate.

    

Allineamento di storage e applicazioni

Introduzione al Software-Defined Storage virtuale

La vision di VMware prevede l'evoluzione delle architetture di storage tramite un hypervisor diffuso, in modo da garantire allo storage le stesse caratteristiche di semplicità, efficienza ed economicità che la virtualizzazione del server ha reso possibile per le risorse di elaborazione.

Il Software-Defined Storage (SDS) astrae lo storage sottostante tramite un data plane virtuale, trasformando la macchina virtuale (VM), e di conseguenza l'applicazione, nell'unità fondamentale per la gestione e il provisioning dello storage su sistemi di storage eterogenei.

Attraverso la creazione di una separazione flessibile tra applicazioni e risorse disponibili, l'hypervisor è in grado di bilanciare tutte le risorse IT richieste da un'applicazione: elaborazione, memoria, storage e rete.

Le soluzioni SDS VMware migliorano i data center attuali offrendo:

  • Servizi di storage in base all'applicazione: il Software-Defined Storage viene applicato a livello di VM, consentendo di personalizzare i servizi di storage in base a requisiti applicativi specifici e di modificarli a seconda delle esigenze di una data applicazione, senza incidere sulle applicazioni vicine. Gli amministratori hanno il pieno controllo dei servizi di storage utilizzati dalle singole applicazioni, quindi dei relativi costi.
  • Modifiche rapide all'infrastruttura di storage: il Software-Defined Storage utilizza un modello dinamico e senza interruzioni operative, esattamente come avviene nella virtualizzazione del layer di elaborazione. Gli amministratori IT possono soddisfare con precisione le richieste di un'applicazione e fornire le risorse esattamente quando sono necessarie. I servizi di storage diventano fluidi e un'applicazione può riceverne quantità diverse in momenti diversi.
  • Supporto di storage eterogeneo: il Software-Defined Storage offre tutta la flessibilità necessaria per utilizzare al meglio le soluzioni di storage esistenti, ad esempio SAN, NAS o Direct Attached Storage, su hardware x86 standard di settore. I server standard di settore, dorsale dell'infrastruttura iperconvergente, consentono alle organizzazioni IT di progettare ambienti di storage scalabili e a basso costo, facilmente adattabili a specifiche esigenze di storage in continua evoluzione.

Tecnologie Software-Defined Storage

vSAN

vSAN è il software leader del settore che supporta le soluzioni di infrastruttura iperconvergente. L'esclusiva architettura all'interno del kernel di vSAN fornisce prestazioni flash ottimizzate e uno storage scalabile in modo elastico per qualsiasi applicazione virtualizzata, con un risparmio del TCO fino al 50%.

vSAN

Site Recovery Manager

SRM è il software di Disaster Recovery leader del settore capace di abilitare la disponibilità e la mobility delle applicazioni tra più siti in ambienti di cloud privato con gestione basata su policy, funzionalità di test senza interruzioni di servizio e orchestrazione automatizzata.

Site Recovery Manager

Virtual Volumes

Virtual Volumes è un framework di integrazione e gestione per lo storage esterno che offre un controllo più preciso a livello di VM, semplifica le operazioni di storage e offre flessibilità nella scelta.

Virtual Volumes

IN PRIMO PIANO 

Presentazione della soluzione ESG

Presentazione della soluzione ESG

Infrastruttura personalizzata ed efficiente grazie al Software-Defined Storage.

Panoramica delle soluzioni VMware

Risorse tecniche per storage e disponibilità

StorageHub è il sito di riferimento per i documenti tecnici relativi a vSAN, Virtual Volumes, SRM e vSphere Replication.