Gestione della protezione dei dati

 

vSphere Data Protection è una soluzione di backup e ripristino progettata per gli ambienti vSphere. Basata sulla tecnologia di EMC Avamar, offre backup su disco delle macchine virtuali agentless a livello di immagine. Offre inoltre protezione application-aware per le applicazioni Microsoft business critical (come Exchange, SQL Server e SharePoint) assieme alla replica dei dati di backup crittografati ottimizzata per le WAN. vSphere Data Protection è completamente integrato con vCenter Server e vSphere Web Client.

Avviso di fine della disponibilità di VMware vSphere Data Protection

VMware ha annunciato la fine della disponibilità di VMware vSphere Data Protection (VDP) nelle future versioni di vSphere. VMware vSphere 6.5 è l'ultima release che includerà il prodotto VDP. Tutte le installazioni esistenti di vSphere Data Protection con abbonamento Support and Subscription (SnS) attivo continueranno a essere supportate fino alla data di fine dell'assistenza generale (EOGS). Vedere l'articolo della KB e le Domande frequenti per ulteriori informazioni.

Backup e ripristino efficienti

Proteggi in modo affidabile macchine virtuali e applicazioni business critical. Riduci al minimo le finestre di backup e l'utilizzo dello storage per ridurre i costi dell'infrastruttura di backup. offrendo, tra le altre, le seguenti funzionalità:

  • Deduplicazione a lunghezza variabile: consente di ottenere tassi di deduplicazione molto alti e di ridurre al minimo i requisiti di storage di backup fino al 75% rispetto alla deduplicazione a lunghezza fissa. La deduplicazione viene eseguita su tutte le macchine virtuali il cui backup viene effettuato dalla stessa appliance virtuale.
  • Backup application-aware: aiuta a garantire backup coerenti con le applicazioni e offre un ripristino granulare. I backup a livello di applicazione per Microsoft Exchange, Microsoft SharePoint e Microsoft SQL Server vengono eseguiti utilizzando un agente guest leggero.
  • Integrazione con EMC Data Domain Systems: aumenta la scalabilità grazie al backup dei dati su un sistema Data Domain; aumenta l'efficienza del backup utilizzando il software DD Boost.
  • Verifica automatizzata del backup: consente di testare l'integrità del backup tramite ripristini automatici e pianificati delle macchine virtuali.

vSphere Data Protection

VDP distribuito come appliance virtuale

Ripristino rapido e prevedibile

Le funzionalità principali sono:

  • Ripristino in un unico passaggio: consente di esplorare in modo semplice i punti di ripristino per un ripristino in un solo passaggio delle macchine virtuali tramite backup sintetici completi
  • Ripristino dei blocchi modificati: riduce i tempi di ripristino rispetto ai ripristini dell'immagine completa in quanto ripristina solo i blocchi delle macchine virtuali modificati.
  • Replica dei dati di backup crittografata e ottimizzata per la WAN: garantisce l'ottimizzazione dei backup per la trasmissione WAN grazie alla deduplicazione a lunghezza variabile, alla compressione e alla crittografia.
  • Ripristino di emergenza diretto nell'host: ripristina una macchina virtuale direttamente su un host vSphere anche se vCenter Server è offline.

Facilità d'uso

vSphere Data Protection è progettato per le funzionalità di virtualizzazione e amministrazione della piattaforma vSphere. Semplifica le operation di backup tramite la configurazione e la gestione dei backup tramite vSphere Web Client. Principali attributi:

  • Appliance virtuale basata su Linux: semplifica l'installazione e la configurazione dei backup.
  • Policy di backup basate su procedura guidata: assegna i processi di backup a singole macchine virtuali o container più grandi, come un cluster o un pool di risorse, con pianificazioni e policy di conservazione specifiche.
  • Ripristino self-service a livello di file: consente agli amministratori dei sistemi operativi guest di ripristinare singoli file e cartelle.
  • Integrazione di vSphere Web Client: consente di gestire i backup end-to-end da vSphere Web Client.

Dettagli tecnici 

vSphere Data Protection può essere distribuito nei datastore Virtual Machine File System (VMFS), Network File System (NFS) e Virtual SAN. La gestione di vSphere Data Protection avviene tramite vSphere Web Client. vSphere Data Protection viene distribuito come appliance virtuale con quattro processori (vCPU) e almeno 4 GB di memoria, a seconda della capacità dei dati di backup dell'appliance. Sono disponibili diverse configurazioni della capacità dei dati di backup, da 0,5 TB a 8 TB, per ciascuna vSphere Data Protection appliance. I requisiti di capacità dipendono dal numero di macchine virtuali protette, dalle quantità di dati, dai periodi di conservazione dei dati di backup e dai tassi di modifica dei dati, che possono variare notevolmente.

 

Backup a livello di immagine

vSphere Data Protection (VDP) crea backup a livello di immagine (ossia dell'intera macchina virtuale). L'appliance VDP comunica con vCenter Server per acquisire una snapshot dei file .vmdk di una macchina virtuale. La deduplicazione avviene all'interno dell'appliance VDP. Ogni appliance VDP può eseguire contemporaneamente il backup di un massimo di 8 macchine virtuali se viene utilizzato il proxy interno o di un massimo di 24 macchine virtuali se vengono distribuiti proxy esterni.

Per creare e modificare un processo di backup, utilizza la scheda Backup nell'interfaccia vSphere Data Protection in vSphere Web Client. È possibile selezionare per il backup VM e container singoli, come data center, cluster e pool di risorse. Con i container, viene eseguito il backup di tutte le macchine virtuali presenti al momento dell'esecuzione del processo. Le macchine virtuali che vengono aggiunte successivamente al container vengono incluse nel processo successivo. Allo stesso modo, quelle rimosse dal container non sono più incluse nei processi di backup. I processi di backup possono essere pianificati per l'esecuzione giornaliera, settimanale o mensile. È inoltre possibile eseguire backup manuali.

 

Ripristino con funzionalità di rilevamento dei blocchi modificati (CBT)

vSphere Data Protection utilizza la funzionalità di rilevamento dei blocchi modificati (CBT) durante i backup a livello di immagine. In alcuni casi, la funzionalità CBT viene utilizzata anche con i ripristini a livello di immagine per migliorare la velocità e l'efficienza. vSphere Data Protection valuta automaticamente il carico di lavoro tra i due metodi di ripristino (ripristino di tutti i blocchi o calcolo e ripristino dei soli blocchi modificati) e utilizza il metodo più efficiente.

f

Le macchine virtuali possono essere ripristinate in una posizione diversa e/o rinominate durante il processo di ripristino. La funzionalità CBT non viene utilizzata per il ripristino di una macchina virtuale in una posizione alternativa.

Creazione e modifica di processi di backup a livello di immagine

Creazione e modifica dei processi di backup

Ripristino con funzionalità di rilevamento dei blocchi modificati (CBT)

Backup e ripristino