Cos'è la migrazione live delle macchine virtuali e come funziona?

 Migrazione live delle macchine virtuali

Tutte le applicazioni devono essere sempre disponibili e, fortunatamente, alcuni downtime possono essere completamente evitati. Nei casi in cui si prevede un downtime del sistema elevato, ad esempio per manutenzione, spostamenti o calamità naturali, è possibile eseguire un vMotion del carico di lavoro dal server in cui è previsto un downtime diverso.

VMware vSphere vMotion consente la migrazione live senza alcun downtime dei carichi di lavoro da un server a un altro. Questa funzionalità è possibile su vSwitch, cluster e persino cloud (a seconda della versione di vSphere in uso). Durante la migrazione del carico di lavoro, l'applicazione è ancora in esecuzione e gli utenti continuano ad avere accesso ai sistemi di cui hanno bisogno. Scopri come mantenere alta la produttività.

Esegui migrazioni live

La migrazione live di VMware vSphere consente di spostare un'intera macchina virtuale in esecuzione da un server fisico a un altro, senza downtime. La macchina virtuale conserva le connessioni e l'ID di rete esistenti, garantendo un processo di migrazione trasparente. Trasferisci la memoria attiva e lo stato di esecuzione esatto della macchina virtuale su una rete ad alta velocità, permettendo alla macchina virtuale di passare dall'esecuzione sull'host vSphere di origine all'esecuzione sull'host vSphere di destinazione. Tutto questo processo richiede meno di due secondi su una rete Gigabit Ethernet. La migrazione live consente di:

 

  • Ottimizzare automaticamente le macchine virtuali all'interno dei pool di risorse.
  • Eseguire la manutenzione dell'hardware senza pianificare i downtime o interrompere le operation aziendali.
  • Spostare le macchine virtuali dai server poco efficienti o che presentano problemi.

Automatizza e pianifica le migrazioni

Utilizzando la migrazione automatica di VMware vSphere vMotion, puoi pianificare le migrazioni a orari predefiniti, senza l'intervento dell'amministratore. VMware vSphere Distributed Resource Scheduler, una delle funzionalità di migrazione automatizzata di vSphere, utilizza vMotion per ottimizzare le prestazioni della macchina virtuale nei cluster vSphere. vMotion consente di:

 

  • Effettuare la migrazione di più macchine virtuali che eseguono qualsiasi sistema operativo su qualsiasi tipo di hardware e storage supportato da vSphere, completo di un audit trail.
  • Identificare il posizionamento ottimale per una macchina virtuale in pochi secondi.

Dettagli tecnici

Utilizzo di Virtual Machine File System (VMFS)

L'intero stato di una macchina virtuale è incapsulato da un set di file di storage condivisi, come Fibre Channel, Internet Small Computer System Interface (iSCSI) SAN o Network-Attached Storage (NAS). VMware vSphere VMFS consente a più installazioni di VMware ESX di accedere contemporaneamente agli stessi file della macchina virtuale.

vMotion oltre i confini e su lunghe distanze

Abbiamo rivoluzionato il concetto di migrazione live senza interruzioni con l'introduzione di vMotion. Con vSphere 6.0, portiamo avanti l'innovazione della migrazione live dei carichi di lavoro offrendo nuove funzionalità di vMotion che superano i confini degli switch distribuiti e dei vCenter Server. Inoltre, è ora possibile eseguire vMotion a lunga distanza con RTT (tempo di andata e ritorno) fino a 100 ms. L'incredibile aumento di 10 volte del RTT supportato offerto da Long Distance vMotion ora consente ai data center situati fisicamente a New York e Londra di effettuare tra loro una migrazione live dei carichi di lavoro.

Protezione dello stato della rete

L'host vSphere sottostante rende virtuali le reti utilizzate dalla macchina virtuale. Ciò garantisce la conservazione dell'ID di rete e delle connessioni di rete della macchina virtuale anche dopo la migrazione. La migrazione di una macchina virtuale con vMotion mantiene in modo preciso lo stato di esecuzione, l'ID di rete e le connessioni di rete attive, in modo che gli utenti non subiscano downtime o interruzioni delle attività.

Integrazione con Storage vMotion

VMware vSphere 5.1 e versioni successive combinano vMotion standard con VMware vSphere Storage vMotion in un'unica migrazione. Ciò significa che è possibile eseguire la migrazione live di un'intera macchina virtuale tra host, tra cluster o tra data center (senza alcuna interruzione delle attività o storage condiviso tra gli host coinvolti).

Integrità delle transazioni

vMotion può trasferire la memoria attiva e lo stato di esecuzione esatto della macchina virtuale su una rete ad alta velocità, permettendo alla macchina virtuale di passare dall'esecuzione sull'host vSphere di origine all'esecuzione sull'host vSphere di destinazione. vMotion mantiene il periodo di trasferimento impercettibile per gli utenti monitorando le transazioni di memoria in corso in una bitmap. Dopo aver copiato l'intera memoria e lo stato del sistema nell'host vSphere di destinazione, vMotion sospende la macchina virtuale di origine, copia la bitmap nell'host vSphere di destinazione e riprende la macchina virtuale sull'host vSphere di destinazione. L'integrità delle transazioni è garantita.