Virtualizzazione di Microsoft SQL su VMware vSphere

Accelera i cicli di vita delle applicazioni e migliora la qualità del servizio consolidando i server SQL nel private cloud con VMware vSphere. Con vSphere puoi consolidare l'infrastruttura SQL da 4 a 20 volte e ridurre i costi hardware e software di oltre il 50%, evitando al contempo i difficili compromessi associati al consolidamento tradizionale dei database. Esegui SQL su vSphere con la certezza che anche i database di maggiori dimensioni garantiranno prestazioni elevate sulle macchine virtuali.

  • Offri i database come servizi IT dinamici, convenienti e affidabili nel private cloud.
  • Accelera la distribuzione dei database con il provisioning on demand, i cicli di release automatizzati e la semplificazione delle attività di test e risoluzione dei problemi.
  • Garantisci la qualità del servizio dei database con scalabilità dinamica, disponibilità integrata e Disaster Recovery semplificato.

Workshop Elite sui database

Video Play Icon
(6:12)

Workshop Elite sui database

Workshop VMware sui database per esperti di SQL Server con Tintri – Aprile 2015

Prestazioni di SQL Server su vSphere

Sono state testate combinazioni di macchine virtuali su hardware attualmente disponibile per dimostrare che vSphere 6 è in grado di gestire centinaia di migliaia di operazioni di database basate sull'elaborazione delle transazioni online (OLTP) al minuto.

Guarda i risultati

Progettazione di Microsoft SQL Server su VMware vSphere

Questo documento fornisce linee guida sulle best practice per la progettazione di Microsoft SQL Server su vSphere.

Leggi la guida alle best practice

Funzionalità della virtualizzazione di Microsoft SQL su VMware vSphere

Accelerazione della distribuzione delle applicazioni

Effettua il provisioning di nuovi database on demand in pochi minuti da appliance virtuali preconfigurate.

Prestazioni pari o superiori a quelle dei server fisici

Oltre il 95% delle istanze di database eseguite su vSphere eguaglierà o supererà le prestazioni ottenute sui server fisici.

Garanzia di qualità del servizio delle applicazioni

Utilizza al meglio VMware High Availability, VMware Fault Tolerance, vMotion, DRS (Dynamic Resource Scheduling) e le funzionalità di Disaster Recovery per assicurare una solida disponibilità con modifiche minime della configurazione.

Riduzione del 50% dei costi hardware e software

I clienti VMware possono consolidare i propri database da 4 a 20 volte, riducendo non solo il footprint dell'hardware, ma anche i costi delle licenze del database per ottenere un eccellente risparmio sul software.

SQL richiede una piattaforma di consolidamento migliore

Da molti anni i reparti IT stanno attuando progetti di consolidamento dei database al fine di limitare i costi associati al rapido aumento del numero e delle dimensioni dei database che supportano innumerevoli applicazioni.

 

Purtroppo le soluzioni tradizionali di consolidamento dei database sono complesse e richiedono notevoli compromessi. Il consolidamento di più istanze di database su un'immagine del sistemaoperativoo di più database logici su un'istanza di database condiviso comportail rischiodi perdita di configurazione, errori, isolamento del sistema operativo e delle risorse. Il consolidamento tradizionale richiede lead time e carichi di lavoro significativi per preparare tutti i database all'esecuzione nell'ambiente condiviso e può influire negativamente sulla disponibilità e sulle prestazioni dei database.

Serie di applicazioni business critical - SQL su VMware

Video Play Icon
(3:14)

Serie di applicazioni business critical - SQL su VMware

Risorse correlate

Video Play Icon

Workshop su SQL per esperti Elite di SQL Server

Workshop su SQL per esperti Elite di SQL Server

Video Play Icon

Virtualizzazione dei server SQL su vSphere

Virtualizzazione dei server SQL su vSphere

Soluzioni 

VMware vSphere

VMware vSphere, la piattaforma di virtualizzazione del server leader del settore, è stata ulteriormente migliorata con la gestione coerente.

VMware vCloud Suite

VMware vCloud Suite è un'offerta integrata che include l'hypervisor VMware vSphere leader del settore e la piattaforma di gestione dell'hybrid cloud multi-vendor VMware vRealize Suite.

VMware vRealize Operations (Enterprise)

Automatizza la gestione delle operation IT, gestisci le prestazioni e ottieni visibilità dell'infrastruttura virtuale e fisica con VMware vRealize Operations.

VMware Site Recovery Manager

VMware Site Recovery Manager è la soluzione leader nel settore per abilitare la disponibilità e la mobility delle applicazioni tra più siti in ambienti di private cloud.

Consolida SQL su vSphere

Il consolidamento tradizionale dei database richiede complesse migrazioni delle applicazioni e processi rigorosi per il controllo delle versioni e la compatibilità continua delle applicazioni.

 

La virtualizzazione di Microsoft SQL Server su VMware vSphere consente allo stesso tempo di consolidare i database e ottimizzare le risorse di elaborazione, mantenendo la flessibilità delle applicazioni grazie all'isolamento di ciascun database nella propria macchina virtuale. Puoi migrare SQL Server nello stato corrente senza dover eseguire migrazioni delle applicazioni costose e soggette a errori. Insieme ai nostri partner abbiamo dimostrato come vSphere sia in grado di eseguire i carichi di lavoro SQL Server più complessi con database a prestazioni elevate. Per i database di reparto con dimensioni minori, vSphere offre rapporti di consolidamento elevati e funzionalità avanzate di pianificazione delle risorse.

Ottieni un consolidamento 10 volte superiore su server multicore di grandi dimensioni

I server multicore di grandi dimensioni sono diventati la norma, ma la maggior parte delle istanze SQL non richiede più di 8 core. Con vSphere puoi consolidare facilmente i database SQL di dimensioni inferiori per utilizzare al meglio i server di grandi dimensioni e ottenere rapporti di consolidamento almeno 10 volte superiori.

Riduci al minimo l'impatto sulle applicazioni

Mantieni le configurazioni SQL Server esistenti utilizzando vSphere per il consolidamento (di SQL Server) tramite una migrazione "da fisico a virtuale" (P2V). Non sono necessarie modifiche al sistema operativo o alle versioni di SQL Server e non è richiesta alcuna migrazione delle applicazioni. Perfino l'indirizzo IP e il nome del server restano invariati.

Consolida le licenze SQL Server

Riduci notevolmente i costi delle licenze software. Una volta acquisita la licenza di tutti i processori fisici dell'host, puoi distribuire un numero illimitato di macchine virtuali SQL (in base alla versione di SQL concessa in licenza), consolidando le licenze su un numero ridotto di processori fisici.

Supera le prestazioni dei server fisici 

Consolidamento

Consolida più macchine virtuali SQL Server a elevato utilizzo di risorse su un singolo host senza compromettere le prestazioni o la scalabilità.

 

vSphere 5.0 fornisce immediatamente le migliori prestazioni grazie a miglioramenti essenziali quali:

  • Aumento della scalabilità delle macchine virtuali a 32 vCPU e 1 TB di memoria.
  • Aumento della scalabilità di I/O del disco di VMware vSphere a oltre 1.000.000 IOPS che consente a VMware ESX di supportare applicazioni con utilizzo intensivo di I/O, quali Exchange e database di grandi dimensioni.
  • I/O di rete di VMware vSphere aumentato a 36 Gbps.
  • Gestione migliorata delle risorse per una maggiore scalabilità delle macchine virtuali con più CPU.

I server virtuali consolidati raggiungono un ottimo throughput con vSphere

I server virtuali consolidati raggiungono un ottimo throughput con vSphere

Scala verticalmente le prestazioni di SQL Server

VMware vSphere 5.0 è in grado di eguagliare o superare le prestazioni native per oltre il 99% delle istanze SQL. Un recente studio sui carichi di lavoro di TPC-E ha dimostrato che in situazioni normali le macchine virtuali forniscono dal 90% al 98% delle prestazioni fisiche native, anche per le configurazioni di maggiori dimensioni con 8 vCPU.

 

Prestazioni di SQL Server negli scenari di consolidamento

Puoi consolidare più macchine virtuali SQL Server su un host ESXi condiviso con un impatto minimo sulle singole macchine virtuali. vSphere garantisce la distribuzione equa delle risorse anche con i carichi di lavoro più intensivi per ottenere un throughput aggregato eccellente.

Private cloud

Migliora l'agilità aziendale

Esegui rapidamente il provisioning dei server SQL con template di macchine virtuali

 

La distribuzione di un nuovo server SQL sull'hardware fisico può richiedere giorni o settimane per l'acquisizione dell'hardware, l'installazione e la configurazione dell'infrastruttura e l'installazione delle applicazioni e degli aggiornamenti associati. L'utilizzo di template di macchine virtuali per eliminare le attività ripetitive di installazione del sistema operativo e delle patch può accelerare i tempi di deployment. Puoi distribuire nuove macchine virtuali con una configurazione di base in pochi minuti, consentendo il provisioning rapido delle applicazioni nell'ambiente di produzione.

Scala l'ambiente in modo dinamico con l'aggiunta a caldo di CPU e memoria

 

Il dimensionamento dei database è particolarmente difficile. Gli amministratori sono spesso costretti a prevedere i requisiti di capacità per i successivi tre o cinque anni per poi tradurre tale stima nelle specifiche di sistema (CPU, memoria, storage). Qualsiasi errore di dimensionamento richiede un nuovo provisioning dell'applicazione, causando downtime e un'interruzione significativa della disponibilità dell'applicazione. Con la funzionalità di aggiunta a caldo di vSphere puoi eseguire il provisioning delle applicazioni con un approccio "a prova di futuro". Quando le applicazioni si espandono nel corso del tempo e richiedono più risorse di elaborazione, memoria, rete o storage, puoi scalare verticalmente le macchine virtuali in modo dinamico e in tempo reale, senza interrompere la disponibilità dell'applicazione o richiedere un nuovo provisioning complesso.

Migliora le attività di test e risoluzione dei problemi con le macchine virtuali di produzione duplicate

 

Riduci il tempo necessario per risolvere i problemi critici e l'impatto complessivo sull'ambiente di produzione con le attività di test e risoluzione dei problemi abilitate da VMware. Utilizza le snapshot in tempo reale delle macchine virtuali per eseguire il rollback istantaneo a una precedente configurazione valida nota. Utilizza la clonazione per creare una copia esatta e indipendente di qualsiasi macchina virtuale dell'ambiente. La copia può quindi essere installata in un ambiente di test per le attività di test e risoluzione dei problemi offline. Condividi le macchine virtuali con terze parti (come consulenti, altri partner e vendor) ed elimina la necessità di creare un ambiente duplicato per riprodurre i problemi. Questa capacità è particolarmente utile negli ambienti applicativi complessi supportati da SQL Server.

Migliora la Business Continuity

 

Proteggi tutte le applicazioni con semplici funzionalità per l'alta disponibilità

Semplifica la disponibilità delle applicazioni eliminando la necessità di utilizzare costose e complesse soluzioni di clustering specifiche delle applicazioni. VMware vMotion e DRS consentono di ridurre il downtime pianificato e di bilanciare i carichi di lavoro in modo dinamico, mentre VMware HA può contribuire al ripristino di SQL Server in caso di guasti dell'host. A livello di applicazione, tutte le funzionalità e le tecniche di Microsoft sono supportate su vSphere, tra cui il mirroring dei database, il clustering di failover e il log shipping, in modo da poter utilizzare le migliori funzionalità di VMware e Microsoft.

 

Disaster Recovery a basso costo

Garantisci un ripristino veloce, semplice e a basso costo automatizzando il processo e semplificando le complesse attività di gestione e test dei piani di ripristino personalizzati con VMware Site Recovery Manager. Riduci i costi eliminando la necessità di hardware dedicato presso il sito remoto.

Assistenza Microsoft

Usufruisci dell'assistenza Microsoft completa

Microsoft supporta ufficialmente Windows Server e i prodotti Server eseguiti su VMware ESX. Sono inclusi Windows Server 2000 SP4, Windows Server 2003 SP2 o versioni successive e Windows Server 2008, nonché ruoli specializzati forniti dal sistema operativo come Active Directory o File Services. Le principali applicazioni supportate includono Microsoft Exchange, SQL Server e SharePoint Server. Microsoft ha pubblicato un elenco completo di applicazioni supportate che viene aggiornato continuamente. Sono elencate anche le configurazioni ESX supportate.

 

VMware ESX è stato il primo hypervisor a essere convalidato ai sensi del programma Microsoft SVVP (Server Virtualization Validation Program), assicurando l'assistenza collaborativa di Microsoft e VMware ai clienti che eseguono Windows Server e le applicazioni Microsoft. I clienti ora possono eseguire Exchange su VMware con la certezza di ricevere l'assistenza necessaria.

 

Microsoft adotta un sistema di licenza compatibile con vMotion

Il sistema di licenza Microsoft è stato di recente modificato per consentire ai clienti di riassegnare licenze tra server fisici in base alla frequenza desiderata. In passato le licenze potevano essere riassegnate solo una volta ogni 90 giorni e questo limitava i vantaggi di vMotion. La flessibilità del nuovo sistema di licenza consente l'utilizzo efficiente di vMotion per Windows Server e delle principali applicazioni tra cui Exchange, SQL Server e SharePoint Server.

 

Configurazioni non convalidate SVVP

I clienti che eseguono una configurazione non convalidata SVVP di ESX e dei prodotti Microsoft ricevono comunque, come ci viene da loro segnalato, i vantaggi dell'assistenza Microsoft. Le opzioni di assistenza, tuttavia, variano in base alla modalità di acquisto dei prodotti VMware e Microsoft da parte dei clienti.

 

Ecco alcuni degli scenari più comuni:

Scenario 1: software VMware originariamente acquistato tramite un server OEM

 

I rivenditori di server tra cui Dell, Fujitsu, Fujitsu-Siemens, HP, IBM e Unisys offrono assistenza end-to-end per il software Microsoft eseguito sui propri server e sul software VMware se le soluzioni VMware sono state acquistate con l'hardware del server e sono coperte da un contratto di assistenza valido sottoscritto con il rivenditore del server. In questo modo i clienti possono rivolgersi al rivenditore del server che sarà l'unico punto di riferimento per qualsiasi problema. Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina Assistenza del software Microsoft nelle macchine virtuali VMware.

Scenario 2: il software VMware è stato originariamente acquistato da VMware o da un rivenditore autorizzato VMware e il cliente dispone di un contratto di assistenza Microsoft Premier

 

Microsoft dichiara di impegnarsi a fornire un'assistenza "commercialmente ragionevole" per i suoi prodotti eseguiti su macchine virtuali VMware. I clienti ci comunicano regolarmente che tali misure ragionevoli adottate da Microsoft sono efficaci e appropriate per assicurare la conformità delle operation alla pianificazione. Potrebbe sussistere una certa confusione all'interno delle organizzazioni dirette e di canale Microsoft in merito all'ambito dell'assistenza che può essere fornita e, in alcuni casi, i clienti possono avere la sensazione che le misure adottate dall'azienda disattendano le loro aspettative. In generale, Microsoft offre ai suoi clienti di maggiori dimensioni un'assistenza eccellente per i prodotti eseguiti su VMware. Nell'informativa di Microsoft si dichiara che, una volta concluse tali attività, gli specialisti dell'assistenza Microsoft possono richiedere ai clienti di replicare il problema su una macchina fisica allo scopo di proseguire con le indagini. Maggiori informazioni sono disponibili nell'articolo 897615 della Microsoft Knowledge Base.

Scenario 3: il software VMware è stato originariamente acquistato da VMware o da un rivenditore autorizzato VMware e il cliente non dispone di un contratto di assistenza Microsoft Premier

 

Il livello di assistenza fornito da Microsoft a questi clienti potrebbe essere più limitato. Prima di fornire assistenza, gli specialisti di Microsoft potrebbero richiedere ai clienti di replicare il problema su una macchina fisica in conformità a quanto indicato nell'articolo 897615 della Microsoft Knowledge Base.