Che cos'è l’architettura cloud?

L’
architettura cloud è il modo in cui i componenti tecnologici si combinano per creare un cloud, in cui le risorse vengono raggruppate in pool mediante la tecnologia di virtualizzazione e condivise su una rete. I componenti di un'architettura cloud includono:

  • Una piattaforma front-end (il client o il dispositivo utilizzato per accedere al cloud)
  • Una piattaforma back-end (server e storage)
  • Un modello di distribuzione basato su cloud
  • Una rete

Insieme, queste tecnologie creano un'architettura di cloud computing su cui è possibile eseguire le applicazioni, offrendo agli utenti finali la possibilità di utilizzare al meglio la potenza delle risorse cloud.

Architettura multi-cloud VMware

Crea le basi giuste per accelerare la modernizzazione delle applicazioni

Scopri di più 

Vantaggi dell'architettura cloud

I motivi per progettare un'architettura cloud solida e completa sono molteplici. Tra questi, i principali sono:

  • Accelerare la distribuzione di nuove app
  • Garantire la compliance alle normative più recenti
  • Garantire una maggiore trasparenza delle risorse per ridurre i costi e prevenire le violazioni dei dati
  • Consentire un provisioning più rapido delle risorse
  • Raggiungere in modo coerente gli obiettivi dei servizi
  • Ottenere informazioni approfondite sui modelli di spesa IT e sull'utilizzo del cloud

Elementi fondamentali dell'architettura cloud

Per progettare un framework per un ambiente di cloud computing, le aziende devono considerare attentamente i requisiti tecnologici e le esigenze aziendali. Anche se possono variare, i componenti fondamentali dell'architettura cloud sono gli stessi per tutte le aziende.

  • Virtualizzazione: la virtualizzazione è la tecnologia alla base di tutte le architetture cloud. Opera creando una rappresentazione basata su software, o virtuale, di una risorsa, ad esempio un server. Grazie all’ottimizzazione delle risorse hardware e all’ottimizzazione dell’output di un singolo server, la virtualizzazione riduce la necessità di costosi componenti hardware, aumentando allo stesso tempo l'efficienza e la flessibilità.

  • Hardware: i componenti di back-end dei data center aziendali includono server, storage persistente e apparecchiature LAN, quali router e switch.

  • Middleware: questi componenti software fungono da intermediario, consentendo a computer, applicazioni e software in rete di comunicare tra loro.

  • Gestione: gli strumenti di Cloud Management consentono il monitoraggio continuo delle prestazioni e della capacità di un ambiente cloud. I team IT possono monitorare l'utilizzo, distribuire nuove app, integrare i dati e garantire il Disaster Recovery, preferibilmente da una console unica.

  • Software di automazione: la distribuzione di servizi IT critici tramite automazione e policy predefinite può ridurre notevolmente i carichi di lavoro IT, semplificare la distribuzione delle applicazioni e abbattere i costi. In un'architettura cloud, il software di automazione può essere utilizzato per scalare verticalmente in modo semplice le risorse di sistema per soddisfare un picco di domanda di potenza di elaborazione, distribuire le applicazioni per soddisfare le mutevoli esigenze del mercato o garantire la governance in un ambiente cloud.

Tipi di architettura cloud

Anche se i dettagli di ogni singola architettura cloud possono variare, esistono diversi modelli comuni di architettura cloud, tra cui architetture di public cloud, private cloud e multi-cloud. Di seguito sono illustrate le differenze tra le varie architetture:

  • Architettura di public cloud: in un'architettura di public cloud, le risorse di elaborazione sono di proprietà e gestite da un cloud service provider. Queste risorse vengono condivise e ridistribuite su più tenant tramite Internet. I vantaggi offerti dal public cloud includono costi operativi ridotti, scalabilità semplificata e manutenzione ridotta.

  • Architettura di private cloud: il termine private cloud si riferisce a un'architettura cloud di proprietà e a gestione privata, solitamente all'interno del data center on-premise di un'azienda. Tuttavia, il private cloud può anche includere più ubicazioni di server o spazio in leasing in strutture di co-locazione distribuite sul territorio. Anche se in genere è più costosa rispetto alle soluzioni di public cloud, un'architettura di private cloud è maggiormente personalizzabile e può offrire rigorose opzioni di sicurezza e compliance dei dati.

  • Architettura di hybrid cloud: un ambiente di hybrid cloud unisce all'efficienza operativa del public cloud le funzionalità di sicurezza dei dati del private cloud. Utilizzando architetture di public cloud e private cloud, l'hybrid cloud consente di consolidare le risorse IT, consentendo alle aziende di migrare i carichi di lavoro tra gli ambienti in base ai requisiti di sicurezza dei dati. La gestione di questo mix di applicazioni, distribuito in una combinazione di data center e ambienti di public cloud, richiede una solida base per garantire un'infrastruttura e operation coerenti ovunque vengano distribuiti i carichi di lavoro.

  • Architettura multi-cloud: un’ architettura multi-cloud utilizza più servizi di public cloud. Uno dei principali vantaggi di un ambiente multi-cloud è rappresentato dalla maggiore flessibilità nella scelta e nel deployment dei servizi cloud in grado di soddisfare nel modo più adeguato i diversi requisiti aziendali. Un altro vantaggio è rappresentato dalla riduzione della dipendenza da un singolo vendor di servizi cloud, che si traduce in un maggiore risparmio sui costi e in una minore probabilità di vendor lock-in.

Per quali scopi viene utilizzato il cloud computing?

Esistono tre principali modelli di servizio che stanno spingendo le aziende verso il cloud. Ognuno di questi presenta specifici vantaggi e caratteristiche principali.

  • Software-as-a-Service (SaaS): i vendor distribuiscono e gestiscono applicazioni e software alle aziende tramite Internet, eliminando così la necessità per gli utenti finali di distribuire il software localmente.
  • Platform-as-a-Service (PaaS): questo modello di servizio fornisce una piattaforma di elaborazione e uno stack di soluzioni as-a-Service in modo da consentire a un'azienda di creare un’applicazione o un servizio. Il service provider fornisce le reti, i server e lo storage necessari per l’hosting di un'applicazione, mentre l'utente finale supervisiona le impostazioni di configurazione e deployment del software.
  • Infrastructure-as-a-Service (IaaS): un provider di terze parti fornisce l'infrastruttura necessaria, eliminando la necessità per le aziende di acquistare server, reti o dispositivi di storage. A loro volta, gli utenti finali gestiscono il software e le applicazioni e pagano solo per la capacità necessaria in uno specifico momento.

Quali sono le best practice per l'architettura cloud?

Un framework ben progettato per il cloud non è semplicemente una necessità tecnologica, ma un mezzo per ridurre i costi operativi, ottenere applicazioni ad alte prestazioni e garantire la soddisfazione degli utenti finali. Seguendo i principi e le best practice per l'architettura cloud, le aziende possono sfruttare il valore reale degli investimenti cloud e rendere l'ambiente IT a prova di futuro.

  • Attenta pianificazione iniziale: quando si progetta un’architettura cloud, occorre per prima cosa valutare attentamente le esigenze di capacità. Non appena si inizia a sviluppare l'architettura, è necessario testarne continuamente le prestazioni per evitare problemi imprevisti durante la produzione.

  • Integrazione della sicurezza: protezione del cloud da hacker e utenti non autorizzati mettendo in sicurezza tutti i layer di un'infrastruttura cloud con crittografia dei dati, gestione delle patch e policy rigide.

  • Implementazione del Disaster Recovery: automatizzazione dei processi di ripristino per evitare costosi downtime e garantire un ripristino rapido in caso di interruzione del servizio. Anche il monitoraggio della capacità e l'utilizzo di una rete ridondante contribuiscono in modo determinante a un'architettura altamente disponibile.

  • Ottimizzazione delle prestazioni: utilizzo e gestione delle risorse di elaborazione appropriate attraverso il monitoraggio continuo delle richieste aziendali e delle esigenze tecnologiche.

  • Riduzione dei costi: sfruttamento dei processi automatizzati, dei managed service provider e del monitoraggio dell'utilizzo per eliminare le spese di cloud computing non necessarie.

Risorse, soluzioni e prodotti VMware per l'architettura del cloud

La piattaforma di hybrid cloud per multi-cloud e app moderne

VMware Cloud Foundation è la piattaforma di hybrid cloud per la gestione delle VM e l'orchestrazione dei container, basata sulla tecnologia di infrastruttura iperconvergente (HCI) con stack completo.

VMware Hybrid Cloud

Le soluzioni per l'hybrid cloud VMware basate su VMware Cloud Foundation forniscono un'infrastruttura e operation coerenti per qualsiasi app, ovunque. Scopri di più.

Piattaforma di Cloud Management

VMware offre una piattaforma di Cloud Management completa che consente di gestire gli ambienti ibridi (multi-cloud) in cui vengono eseguiti carichi di lavoro di ogni tipo, da quelli tradizionali a quelli containerizzati (nativi per il cloud).

Operation multi-cloud per visibilità e controllo

Usa qualsiasi cloud in tutta sicurezza con le soluzioni multi-cloud VMware. Ottimizza i costi, riduci i rischi e semplifica le operation.

Migrazione nel cloud

Migra facilmente i carichi di lavoro nel cloud utilizzando le competenze e gli strumenti VMware che già conosci. Scopri subito i vantaggi della migrazione al cloud con VMware.

Soluzioni per l'architettura multi-cloud

VMware può aiutarti a comprendere meglio le complessità di gestire architetture basate su cloud specifiche, ciascuna con regole e requisiti propri.